CALORIE VUOTE

VERSO DENSITÀ NUTRIZIONALE

 Publish date: 08 August 2018

title

Idealmente, gli alimenti forniscono energia e altre sostanze chiamate micronutrienti, come vitamine e minerali.

Sfortunatamente, gran parte del cibo di oggi viene elaborato in modo tale che l’energia è l’unico elemento fornito. Questa energia è chiamata “calorie vuote”, proprio a causa della sua mancanza di nutrienti che la accompagnano. Zucchero, farina altamente raffinata e alcol sono fonti tipiche di questo tipo di calorie. Oli e grassi industriali sono molto vicini, se la struttura originale è stata modificata dalla lavorazione. E quando la “massa” diventa una miscela di zucchero, farina raffinata e grassi industriali, l’equazione che definisce è: alta densità calorica unita a bassa densità nutrizionale. Una serie di bevande analcoliche industriali, dolci e snack elaborati condividono questa lacuna. Inoltre, alcuni componenti possono essere non solo privi di sostanze nutritive ma anche essere dannosi per il metabolismo, il benessere endocrino, cardiovascolare e persino psicologico. La scienza ha mostrato questi effetti per lo zucchero e i grassi trans, e la lotta contro l'obesità e il diabete ha già un nemico in queste componenti.

L’opposto è rappresentato da cibi nutrienti che sono nutrizionalmente densi e forniscono una varietà di nutrienti di qualità. Spesso forniscono molta energia, come nel caso di semi, oli di qualità, cereali, frutta secca o alcuni prodotti caseari. Altre volte, gli alimenti sono a basso contenuto di calorie ma ricchi di componenti utili. Questo è il caso di molti frutti, carne magra, pesce, insalate, zuppe e contorni di verdure. Questi alimenti sono nutrizionalmente densi e a basso contenuto di calorie, mettendoli al contrario delle calorie “vuote”

Se ci fosse un cibo ideale, sarebbe senza dubbio nutrizionalmente denso.

 

Autore: Dr. Adrian Copcea, nutrizionista

}